A sinistra la montagna. A destra l'autostrada. una soffitta di periferia teatro di giochi e note.

Popolata solo da amici di passaggio.

Versi di Tom Waits e la fedelissima bicicletta.

E' qui che nasce l'arte di Luca Barbieri.

 

Questo rifugio dove tra un viaggio e un'altro....e un'altro ancora, Luca trascrive sui quaderni di tutti, blocchi di polistirolo, bancali e tele , ciò che si accumula dentro.

 

Rabbia che non si fa mai violenza.... ma si trasforma in arte, in movimento.


In voglia di......

 

Questa è l'arte di Luca Barbieri.

 

E resta questa.

 

Che i quadri venduti siano mille o uno.

 

Ci sarà sempre un anima che nella periferia toscana getterà un colpo d'occhio alla montagna immobile lì a sinistra.... alle macchine lanciate veloci lì a destra....fino all'attimo in cui sentirà il bisogno di tradurre la propria realtà in un linguaggio unico.

 

Il suo" 

 

"Giuseppe Vanità"